Statuto

In data 01/12/2005, si sono riuniti in Assemblea Straordinaria i soci della Società Unione Sportiva Dilettantistica Carignano che hanno approvato all’unanimità il seguente Statuto Sociale:

ART. 1 FINALITÀ

L’Unione Sportiva Dilettantistica Carignano, ispirandosi ai valori cristiani, si propone la finalità di sviluppare l’aggregazione sociale mediante l’attività culturale, ricreativa e sportiva a livello dilettantistico, senza scopo di lucro, nonché la promozione e l’organizzazione di gare, tornei e manifestazioni, con le finalità e l’osservanza delle norme e delle direttive del CONI e delle federazioni ad esso affiliate.
I colori sociali sono il giallo e il blu.

ART. 2 SOCI

Si acquista la qualità di socio mediante richiesta scritta su apposito modulo.
La domanda deve essere accettata dal Consiglio Direttivo.
L’eventuale recesso deve essere comunicato per iscritto alla sede sociale.
Coloro che daranno adito a motivo di preoccupazione per il buon andamento e l’armonia della società verranno – su delibera del Consiglio Direttivo – considerati decaduti.
Coloro che non avranno raggiunto la maggiore età dovranno presentare la domanda presentata da un genitore (o chi ne fa le veci), che assumerà la qualità di socio.
La società si riserva il diritto di emettere tessere sociali.
Ogni socio ha diritto a partecipare alla vita associativa e a frequentare i locali e gli impianti sportivi dell’Associazione.

ART. 3 ORGANI SOCIALI

Sono organi sociali:
l’Assemblea generale dei soci
il Consiglio Direttivo
il Presidente

ART. 4 ASSEMBLEA GENERALE

L’Assemblea è costituita da tutti i soci.
Indica le linee di sviluppo della società, opera le scelte fondamentali, nomina il Consiglio Direttivo e ne esercita il controllo, approva il bilancio preventivo e quello consuntivo presentati annualmente dal Consiglio Direttivo.
L’Assemblea può essere ordinaria e straordinaria e viene convocata almeno 10 (dieci) giorni prima della data stabilita.
L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti e delibera validamente a maggioranza dei soci presenti su tutte le questioni poste all’ordine del giorno.
L’Assemblea Ordinaria viene convocata ogni anno entro il 31 dicembre per deliberare sulla relazione annuale, sul bilancio preventivo e consuntivo presentati dal Consiglio Direttivo.
L’Assemblea Straordinaria viene convocata nei seguenti casi:
tutte le volte che il Consiglio Direttivo lo reputi necessario;
quando ne faccia richiesta motivata almeno un terzo dei soci.
Nel caso di cui al punto b) l’Assemblea dovrà aver luogo entro 30 (trenta) giorni dalla data della richiesta.
Per deliberare sulle modifiche da apportare allo Statuto in base alle proposte del Consiglio Direttivo e per lo scioglimento della Società è indispensabile il voto favorevole di almeno 4/5 (quattro quinti) dei soci o dall’unanimità del Consiglio Direttivo.

ART. 5 CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è eletto dall’Assemblea Generale dei soci tra i soci stessi.
Al Consiglio Direttivo è affidata la gestione della normale amministrazione e delle attività della Società.
I Consiglieri prestano la loro opera a titolo gratuito ed espletano le loro mansioni volontariamente.
Il Consiglio Direttivo è libero ed autonomo nelle proprie decisioni e resta in carica 3 (tre) anni.
I membri del Consiglio Direttivo sono rieleggibili. Ogni Consigliere può essere revocato, per gravi e fondati motivi, conformemente alla proposta del Consiglio Direttivo o di almeno 1/3 (un terzo) dei soci, su delibera dell’Assemblea Generale.
Nell’ipotesi di revoca, decesso o di dimissioni di un Consigliere, il Consiglio alla prima riunione utile provvede alla sua sostituzione chiedendone convalida alla prima Assemblea.
Il Consiglio Direttivo elegge nel suo seno:
il Presidente;
due Vice Presidenti, di cui uno vicario;
il Segretario;
il Tesoriere;
il Direttore Tecnico.
Nomina, inoltre, due vice direttori tecnici, da scegliere tra i soci.
La rappresentanza della società spetta al Presidente e, in sua assenza, al Vice Presidente Vicario.
Il Consiglio Direttivo è formato da 8 (otto) membri effettivi più due delegati per ogni leva e attività all’inizio di ogni stagione sportiva. Per la gestione degli affari correnti e delle pratiche di ordinaria amministrazione il Consiglio è ristretto ai soli membri permanenti, in funzione di Consiglio di Presidenza.
La convocazione del Consiglio Direttivo con la relativa compilazione dell’ordine del giorno è compito del Segretario.

ART. 6 MEZZI FINANZIARI

Il patrimonio della società è costituito dalle quote di iscrizione dei soci alle varie attività dell’associazione, da eventuali contributi da parte di terzi e da introiti di manifestazioni sportive.
La società non può possedere beni; eventuali beni appartengono in comune agli associati.
Gli associati non possono pretendere la restituzione della quota, neppure in caso di recesso o di decadenza.
Le spese di ordinaria amministrazione e quelle necessarie per la gestione delle attività sono deliberate dal Consiglio Direttivo. Le eventuali spese di straordinaria amministrazione devono essere approvate dall’Assemblea. In caso di morosità nel pagamento delle quote i soci verranno considerati decaduti ed essi o i loro figli non potranno partecipare alle attività della Società.
La società si riserva il diritto di considerare come pagate quote in effetti non versate.

ART. 7 SCIOGLIMENTO ASSOCIAZIONE

Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato all’Assemblea straordinaria degli associati su proposta del Consiglio direttivo, la quale nominerà anche i liquidatori. L’eventuale patrimonio residuo sarà devoluto ad enti similari che perseguono fini di utilità sociale individuati dall’Assemblea degli associati.