Trasferta amara

19 GENNAIO 2015

La trasferta di ieri a Rapallo si è conclusa nella maniera peggiore: secca sconfitta per 3 a 0 dopo che il 1° tempo si era concluso sotto di un gol e purtroppo con due giocatori già usciti per infortunio.
Dopo nemmeno 5 minuti dall'inizio un'incursione di Luca Salucci dalla destra si concretizzava in una gran bordata che si stampava sul palo, peccato veramente. Un paio di minuti sempre sulla fascia destra, a metà campo Riky Barile nell'effettuare uno stop a mezz'altezza, senza neanche contrasto da parte degli avversari, crollava a terra ed era costretto poco dopo ad uscire, speriamo non sia cosa grave ma ieri gli faceva veramente male il ginocchio, auguri !, rimpiazzato da Ema Gaggero che non è precisamente un esterno.
Verso la mezz'ora, già sotto di un gol, doveva uscire zoppicando anche Nico Verrina che già in fase di riscaldamento aveva accusato dei campanelli d'allarme alla coscia; entra Edo Traverso, coriaceo come sempre.
Nell'intervallo si spengono le luci del campo e la ripresa inizia con quasi venti minuti di ritardo.
In un azione offensiva avversaria Riky Gandolfi che fino a quel momento aveva difeso molto bene la ns. porta viene colpito molto violentemente, in uscita, al fianco destro e anche lui è costretto ad abbandonare il campo sostituito da Davide Molinari.
Entra anche Filo Terranova per uno stanchissimo e generosissimo Umbo Momtefiori.
Su una punizione a favore del Rapallo caciata dalla trequarti sinistra un pò di indecisione in difesa e il Rapallo raddoppia.
Nel finale Cesare Roncaglia subentra a Fabio Ferrari e con questo cambio mister Gerri cerca di mischiare le carte passando dalla difesa a quattro a quella a tre.
Cambia poco perchè subiamo anche il terzo gol anche se nella ripresa sia Luca Salucci che Fede Solari avevano avuto, non concretizzate due buone occasioni la prima per pareggiare e la seconda per accorciare il risultato.
Negli ultimi cinque minuti succede purtroppo di tutto, gli animi si scaldano e a gioco fermo Gae Spigno si becca, a gioco fermo, un calcio in faccia, apriti cielo: si scatena il finimondo, in campo con una maxi rissa e dagli spalti dove volano insulti e minacce; Fra Santolini cerca di fare giustizia sommaria e viene buttato fuori insieme a un avversario.
Per fortuna la partita termina dopo pochi minuti senza ulteriori gravi conseguenze.
Un espulso, tre infortunati, speriamo non scatti qualche squalifica per chi era in diffida, non si è capito più nulla nel finale; la prossima partita in casa contro Camogli-Avegno è fondamentale per far ripartire la classifica, e a far rprendere il morale e la tranquillità mentale dei ragazzi; all'andata in trasferta avevamo vinto, dobbiamo a tutti i costi cercare di replicare quel risultato.
Buona domenica e buona settimana, il solito forte abbraccio
Aldo