Ripartiti...ma che patire!

9 Novembre 2014

Ieri pomeriggio terza vittoria in trasferta su tre, primo posto in classifica in coabitazione anche se alcune squadre devono ancora recuperare qualche partita; l'attacco è il più prolifico del girone ma ancora troppe ingenuità in difesa; è finita 4 a 3 per noi ma il modo in cui si è verificato è da scompensi cardiaci.
Iniziamo bene nonostante mister Gerri debba rinunciare a qualche pedina molto importante; una dozzina di minuti piuttosto equilibrata poi guadagniamo una punizione dal vertice dx. dell'area avversaria, batte Fede Falchero in mezzo, Luca Salucci la spizzica di testa allungando la traiettoria e, da sinistra, Jonny Guglielmone di piede non dà scampo al portiere.
Continuiamo a pressare e dopo 3 minuti Filo Tassara si sgancia in avanti e da poco fuori area su un bel cross si coordina ed effettua una bellissima girata che viene intercettata e ribattuta corta al limite, Filo la riconquista e scaglia un gran tiro angolato che trafigge il n° 1 avversario; gioia incontenibile in campo e in panca.
Le ns. maglie difensive si allentano un pò e intorno al 25° su una punizione da destra del Pieve tutti guardano una palla che addirittura rimbalza dentro la ns. area,nessuno salta, Lore Campanella non esce e di testa subiamo il 2 a 1, che dormita collettiva!; abbiamo ancora tre nitide occasioni per arrotondare il risultato ma non le concretizziamo, il Pieve una sola calciata a lato e andiamo così negli spogliatoi avanti di un gol ma con molti rimpianti, per come abbiamo preso il gol e su quelli che abbiamo fallito.
Tante visite nello spogliatoio: Vitto Civardi infortunatosi in palestra a scuola che dovrebbe averne per un mesetto, probabile che rientri solo dopo la pausa natalizia, ieri però è venuto a sostenerci come pure Riki Barile che a dicembre potrebbe rientrare nei ranghi dopo aver interrotto il suo rapporto con il San Bernardino, Luca Magazzini appena operato al menisco e ormai aggregato alla prima squadra e .... a sorpresa Tommi Dufour che mi dicono, non escluderebbe un suo rientro nei ranghi e infine anche Edo Traverso che ha dato forfait all'ultimo ma era comunque presente per incitare i compagni.
Si ricomincia, Gerri dà il cambio a Ema Gaggero, autore di un'altra bella prova, piedi buoni e giocate interessanti con tanto margine di miglioramento sul fronte grinta e malizia, con Umbo Montefiori, vecchio marpione del ns. centrocampo.
Neanche 3 minuti, perdiamo palla a centrocampo per poi concedere agli avversari una punizione dal limite dell'area che viene ribattuta dalla ns. barriera ma riconquistata da una punta del Pieve che fa secco Lore, forse coperto.
Tutto da rifare; il Pieve fa un sacco di cambi, Gerri no tranne, a metà ripresa, quello di Guglielmone con Nico Verrina, difensore puro; Fra Santolini si porta avanti come esterno sinistro, solita prova di grande spessore fisico la sua.
Gae Spigno che festeggia il suo 18° compleanno, tantissimi auguri, e Fede Solari davanti fanno vedere i sorci verdi ai difensori avversari ma non riescono a buttarla dentro, grandissimo impegno, bravi davvero; ennesima punizione conquistata da Luca Salucci, quante giocate, quanti falli presi e quanti calci ricevuti; la posizione è molto decentrata ma lui ci crede e con un grandissimo tiro sorvola la barriera e poi insacca sotto la traversa con il portiere che neanche accenna la parata, che gollasso !!!!!!!!
Luca si è beccato l'unico ns. giallo rischiando anche il rosso, deve cercare di essere più calmo e meno polemico, soprattutto con gli arbitri, prendere delle randellate non fa certo piacere ma rischiare di far giocare la squadra in 10 proprio non va; grande partita ma.....
Partita finita, macché !, a 5 min. dal termine corner per il Pieve da sinistra, gran mischia in area, una ribattuta corta in affanno e un avversario è il più lesto di tutti e riesce a buttarla dentro; da non credere per la quantità di gioco e di occasioni avute, ma noi ci crediamo ancora e ripartiamo a testa bassa; in pieno recupero, mancheranno due minuti scarsi, corner dalla sx. per noi, Fede Falchero va sulla bandierina e la pennella in mezzo all'area dove Fra Tripodi, cuore di capitano, pressato stretto, riesce comunque a toccarla di spalla/collo/testa e a deviarla dove il loro portiere non può arrivare, è il gol fondamentale, ragazzi impazziti per la gioia e palla al centro; nemmeno un minuto e triplice fischio.
Cosa c'è adesso dietro l'angolo?
Sabato prossimo alle 16,45, in casa big-match contro, forse, la "vera capolista", il Busalla che ci segue a un punto ma ha due partite in meno, un recupero e il turno di riposo già fatto; giochiamocela alla grandissima, continuiamo a essere l'attacco più pungente ma cerchiamo di chiudere le maglie della difesa concedendo il meno possibile agli avversari.
Forza ragazzi, forza Carignano e ancora auguri per i 18 di Gae.
Un abbraccio a tutti
Aldo